Arte e cultura
La Galleria La Nuvola di Via Margutta è lieta di ospitare in esclusiva, la prima mostra personale di Reinhard Pfingst (Brühl, 1961), dal titolo “Metamorfosi Marmoree”, a cura di Alice Falsaperla e con i testi critici di Anna Imponente e di Eva Bellini.
Sergio Ferroni

Metamorfosi Marmoree

L’ autore tedesco elabora, all’interno del contesto artistico contemporaneo, un nuovo concetto di complessità formale e di contemplazione ideale, attraverso un materiale nobile quale è il marmo. Le sculture di Pfingst assumono sembianze dalla liricità propria e dall’appartenenza musicale. L’artista tenta di restituire al pubblico molteplici “forme d’armonia”, attraverso creazioni sinuose e utopiche, inducendolo allo stupore e alla meditazione, come in un “giardino giapponese” che narra le antiche origini dell’autore. «Dal travertino romano, al marmo bianco o arabescato di Carrara, la produzione scultorea di Pfingst prevede una crasi innovativa tra storicità, conferita dall’antichità del supporto adoperato, e contemporaneità, affidata alla potenza dell’astrazione».

«Si tratta di conformazioni pure, carnose o filiformi, lontane da qualsiasi soggettività o figurazione, se non per evocazioni suggerite dal titolo»,  approfondisce Alice Falsaperla nel testo critico dedicato. L’evento, patrocinato dal Comune di Roma Capitale e da Energies for Visual Art (EVA), in collaborazione con lo studio M’Arte Scultura, possiede molteplici rilievi: dal punto di vista urbano, si compie la riscoperta di una nuova realtà artistica e progettuale all’interno della Città.  Se oggi il ritmo della modernità si fonda sulla velocità, la produzione dell’autore propone una condizione di quiete estetica e mentale. L’autore si serve del marmo anche per ricreare luoghi dedicati, adatti a un’azione immersiva da parte del fruitore, attraverso un’esperienza di grazia e ricercatezza, nella stabilità con cui si manifesta. Si tratta del tentativo di inscenare un “punto poetico”, concetto ideato dallo stesso Pfingst, finalizzato alla creazione di spazi ideali in cui riflettersi, “ad imitare un’ombra oltre la polvere, / un fiore che perpetua il suo silenzio”. (Andrea Orlandi)

A questo si aggiunge una multidisciplinarietà d’insieme, suggerita dalla collaborazione dello spazio storico di Via Margutta col brand italiano Fili Pari, l’innovativa startup “Fashion-Tech” che realizza soluzioni tessili sostenibili a partire dalla polvere di marmo, ponendosi qui in un dialogo tra tridimensioni e chiaroscuri, in un nuovo utilizzo di materia e luce, indossato da modelle per l’occasione. La cura illuminotecnica della mostra è affidata allo studio Luci Ombre, un team di architetti, designer, progettisti e tecnici che fanno dell’illuminazione la propria fonte di ispirazione.  Dal punto di vista culturale, l’esposizione offre la possibilità di ammirare, per la prima volta in una galleria d’arte, la produzione dell’artista tedesco, recentemente premiato dalla Food and Agricolture Organization of the Unite Nations (FAO). Alla base dell’esposizione, vi è un’indagine volta a presentare la produzione dello scultore, dalla progettazione su carta all’opera d’artecompiuta nel marmo.

Il vernissage si terrà Venerdì 14 Giugno 2024 alle ore 18

Galleria La Nuvola - Via Margutta, 41 – 00187 Roma

 

News correlate
Daniele Radini Tedeschi e il suo tour nel degrado culturale italiano

L’autorevole critico d’arte, scrittore e personaggio televisivo è a Trieste con tanto di cameraman e operatori al seguito per denunciare il degrado e l’incuria del patrimonio culturale italiano


Immersive Passion

Al via la mostra Immersive Passion, quaranta artisti impreziosiscono il TH Roma Carpegna Palace Hotel


Alessia Babrow presenta due nuove opere della serie LOVE MY MOTHER

Dopo l’esposizione dell’immagine simbolo della nuova serie “Love My Mother” Alessia Babrow presenta due ulteriori opere in altrettanti cantieri del Gruppo Pouchain per il Progetto #EX_TRA: Universal Heartbeat e Love is Stronger


L’italiano per gli studenti stranieri delle università pontificie

Un accordo tra la Società Dante Alighieri e il Dicastero per l’Evangelizzazione porta in aula i primi 200 corsisti


Miró - Il costruttore di sogni

Al Museo storico della Fanteria di Roma a settembre la mostra dedicata all’artista che ha sovvertito il linguaggio dell’arte, a cura di Achille Bonito Oliva, Maïthé Vallès-Bled e Vincenzo Sanfo, con 150 opere di collezioni private italiane e francesi


I Percorsi dell'Arte

I Percorsi dell'Arte approdano nell'incantevole Principato di Seborga


L’arte di Katia Papaleo al Padiglione Grenada alla 60ma Biennale di Venezia

La pittrice Katia Papaleo, membro di The Perceptive Group, sarà protagonista di un approfondimento critico al Padiglione Grenada alla 60ma Biennale di Venezia Arte, presso il Palazzo Albrizzi-Capello.


Giò Di Sarno chiude in bellezza il suo Di Sabato Pomerig-Giò su Cusano Italia Tv

La conduttrice e cantante festeggia la quarantesima puntata della sua trasmissione in diretta tv


Vissi d’arte, vissi d’Amore aspettando Giacomo Puccini di Massimiliano Finazzer Flory

Con accompagnamento musicale dal vivo al Caracalla Festival - Roma - 2 luglio, alle ore 21 al Teatro del Portico al Villa Arconati Festival – Milano - domenica 7 luglio ore 20


Dipingendo Cavalcaselle. Di tersa mano

Corrado Veneziano rende omaggio a Giovanni Battista Cavalcaselle con un’esposizione in cui reinterpreta gli schizzi e i taccuini del padre fondatore della moderna critica d'arte. Fino al 28 luglio a Palazzo Altemps