Arte e cultura
Al Museo storico della Fanteria di Roma a settembre la mostra dedicata all’artista che ha sovvertito il linguaggio dell’arte, a cura di Achille Bonito Oliva, Maïthé Vallès-Bled e Vincenzo Sanfo, con 150 opere di collezioni private italiane e francesi
Tania Turnaturi

Miró - Il costruttore di sogni

Al pittore catalano Joan Miró, ceramista e scultore, riconosciuto tra gli artisti più rivoluzionari del XX secolo, sarà dedicata la mostra allestita al Museo Storico della Fanteria di Roma dal 14 settembre 2024 al 23 febbraio 2025.

L’esposizione antologica, prodotta da Navigare Srl con il patrocinio di Ambasciata di Spagna in Italia; Instituto Cervantes di Roma; Regione Lazio e di Città di Roma, e a cura di Achille Bonito Oliva, Maïthé Vallès-Bled e Vincenzo Sanfo, comprende una selezione di 140 opere rappresentative dell’arte di Miró, del suo rivoluzionario linguaggio e delle sperimentazioni che hanno caratterizzato circa 60 anni della sua lunga esistenza (1893-1983), lasciando una impronta indelebile nell’arte e nella cultura del nostro tempo.

Le opere, realizzate tra il 1924 e il 1981, testimoniano la singolarità dell’artista e la sua straordinaria attitudine alla libertà, alla sperimentazione e all’indipendenza da ogni dogma artistico, sociale e culturale. Poco conosciuti al grande pubblico, poiché appartenenti a collezionisti privati italiani e francesi, i lavori saranno raggruppati in 8 aree tematiche: Litografie; Manifesti; Poesia; Ceramiche; Derrière le Miroir; Pittura; Musica; Miró e i suoi amici, ognuna delle quali riferita alle passioni e agli attraversamenti dell’arte di Miró.

Spiccano numerose litografie curate da stampatori e incisori di eccellenza come Fernand Mourlot, al quale si deve la perfetta e ineguagliabile resa di colore nel procedimento di stampa delle preziose opere grafiche. Saranno presenti, inoltre, anche alcuni esemplari di ceramiche dipinte a mano e le tavole litografiche disegnate per accompagnare i versi di Parler Seul del poeta dadaista Tristan Tzara (1950), oltre ai bellissimi bozzetti per la messa in scena di L’Uccello Luce (1981) di Silvano Bussotti, realizzati in occasione della Biennale di Venezia. L’esposizione sarà arricchita anche da una piccola sezione intitolata Miró e i suoi amici comprendente una decina di opere di Man Ray, Picasso, Dalí, e fotografie di Cohen e Bertrand, oltre a libri e documenti dei poeti Breton, Éluard, Chair, Tzara per evidenziare le diverse connessioni di Miró con il mondo dell’arte e della cultura del tempo.

L’allestimento intende porre all’attenzione del visitatore, in particolare, tre aspetti della creatività artistica dell’artista di Barcellona: la rivoluzione del linguaggio artistico, portato da uno spazio introspettivo a un equilibrio tra astratto e figurativo, tale da realizzare un principio di impossibilità, in cui l’arte supera ogni tipo di confine; la dimensione onirica e lirica permeata dalla sfrenata libertà di una sensibilità tradotta in colore, materia e segni laddove la razionalità, in un contesto storico in cui le dittature politiche segneranno alcuni dei momenti più bui per la Spagna e per il resto del mondo, tace; e, infine, la tenace capacità di resistenza, in cui la joie de vivre e il fervore espressivo si realizzano in un linguaggio a sé stante, nella dimensione inafferrabile e primitiva dell’io più profondo.

Miró - Il costruttore di sogni è una iniziativa culturale di Difesa Servizi S.p.A., co-prodotta da Art Book Web e Diffusione Cultura Srl.

 www.navigaresrl.com

 

Tania Turnaturi

Giornalista Pubblicista Da anni si occupa di turismo, enogastronomia, arte e teatro. Collabora con numerose testate specializzate per le quali scrive reportage di viaggio, articoli di promozione del territorio, eventi enogastronomici, ristoranti, mostre d’arte, cultura, attualità e recensioni teatrali. Appassionata della buona tavola, ama raccogliere erbe selvatiche commestibili e molte specie di funghi che utilizza per piatti di cucina povera e tradizionale.

News correlate
Daniele Radini Tedeschi e il suo tour nel degrado culturale italiano

L’autorevole critico d’arte, scrittore e personaggio televisivo è a Trieste con tanto di cameraman e operatori al seguito per denunciare il degrado e l’incuria del patrimonio culturale italiano


Immersive Passion

Al via la mostra Immersive Passion, quaranta artisti impreziosiscono il TH Roma Carpegna Palace Hotel


Alessia Babrow presenta due nuove opere della serie LOVE MY MOTHER

Dopo l’esposizione dell’immagine simbolo della nuova serie “Love My Mother” Alessia Babrow presenta due ulteriori opere in altrettanti cantieri del Gruppo Pouchain per il Progetto #EX_TRA: Universal Heartbeat e Love is Stronger


L’italiano per gli studenti stranieri delle università pontificie

Un accordo tra la Società Dante Alighieri e il Dicastero per l’Evangelizzazione porta in aula i primi 200 corsisti


I Percorsi dell'Arte

I Percorsi dell'Arte approdano nell'incantevole Principato di Seborga


L’arte di Katia Papaleo al Padiglione Grenada alla 60ma Biennale di Venezia

La pittrice Katia Papaleo, membro di The Perceptive Group, sarà protagonista di un approfondimento critico al Padiglione Grenada alla 60ma Biennale di Venezia Arte, presso il Palazzo Albrizzi-Capello.


Giò Di Sarno chiude in bellezza il suo Di Sabato Pomerig-Giò su Cusano Italia Tv

La conduttrice e cantante festeggia la quarantesima puntata della sua trasmissione in diretta tv


Vissi d’arte, vissi d’Amore aspettando Giacomo Puccini di Massimiliano Finazzer Flory

Con accompagnamento musicale dal vivo al Caracalla Festival - Roma - 2 luglio, alle ore 21 al Teatro del Portico al Villa Arconati Festival – Milano - domenica 7 luglio ore 20


Dipingendo Cavalcaselle. Di tersa mano

Corrado Veneziano rende omaggio a Giovanni Battista Cavalcaselle con un’esposizione in cui reinterpreta gli schizzi e i taccuini del padre fondatore della moderna critica d'arte. Fino al 28 luglio a Palazzo Altemps


Gran successo per il “Premio Aila-Progetto Donna” al Tempio di Venere e Roma, il Parco archeologico del Colosseo

Per la XXIII edizione, condotta da Eleonora Daniele, tra i premiati Lucrezia Lante della Rovere, Teresa De Sio, Lina Sastri, Michele Mirabella. Iva Zanicchi madrina della manifestazione