Turismo
Tante le esperienze uniche che attraversano la Slovenia da est a ovest, dalle Alpi al mare e dalla Pannonia al Carso.
Roberto Dionisi

Slovenia Unique Experience®: in camper, a caccia di storie

Scopriamo, sulla loro scia, un paese davvero camper-friendly, dove le aree di sosta sono diffuse tanto quanto le belle storie, che si moltiplicano nel verde della Slovenia, nel suo sottosuolo, nella sua cucina e nel suo modo di far festa. Partiamo da un numero: 152. È questo il numero di località slovene che hanno a disposizione un’area di sosta per camper. Una fittissima rete di luoghi in cui è possibile fermarsi e assaporare, quindi, in tutta libertà e comodità, quanto di bello questa terra ha da offrire.

Considerando che la Slovenia è un Paese che, per estensione e qualità infrastrutturali, può essere attraversato da un capo all’altro in poco più di due ore, c’è sempre la possibilità che a poca distanza da ciascuna di queste ci sia qualcosa di veramente speciale. E le cose speciali, quelle che da sole valgono un viaggio, in Slovenia sono così tante da aver richiesto la creazione di un marchio di qualità che ne ha attestato, davvero, l’unicità: si tratta di Slovenia Unique Experience®, etichetta assegnata sulla base di dieci criteri, tra cui l’autenticità, l’esperienzialità, la sostenibilità e uno standard di qualità altissimo, che mette al centro l’individuo con un approccio personalizzato. Si può dire, tranquillamente, che una unique experience in Slovenia è davvero unica, in quanto due persone diverse non la vivranno mai allo stesso modo.

Proprio come un viaggio in camper: siamo noi, di volta in volta, a decidere le regole del gioco, a disegnare una rotta nuova unendo i puntini, come in una enigmistica, che separano sulla mappa un’esperienza autentica dall’altra. La differenza è che, in questo caso, siamo noi a decidere quale sarà la figura che verrà fuori dal disegno: e qualunque questa sia, sarà davvero nostra, unica e irripetibile.

Da dove cominciare? Ecco 5 Slovenia Unique Experience® da fare viaggiando in camper.

    Slovenia marittima: laboratorio di cucina di mare, con Irena Fonda (anche in lingua italiana)

Partiamo da Ovest, e partiamo dal mare. A pochi km dal confine croato, c’è un luogo in Slovenia che può essere definito senza ombra di dubbio il paradiso del sale. Si tratta di Sicciole, frazione di Portorose, dove il sale è considerato un vero e proprio oro bianco. Qui la famiglia Fonda cerca da decenni nel mare dell’Istria slovena un qualcosa di speciale: padre e figli biologi marini prima, imprenditori dopo, hanno deciso di produrre qui il miglior pesce d’allevamento al mondo, e insieme anche di svelarne i segreti a chi giunga qui, incuriosito e ingolosito da questa ambiziosa premessa.  È una Slovenia Unique Experience®, il laboratorio di cucina mediterranea ideato in questo luogo magico da Irene Fonda, grazie al quale imparare tutto ciò che c’è da sapere per diventare esperti nella preparazione del pesce e dei frutti di mare, vicinissimi al luogo d’origine di questi ingredienti: sotto i pini del litorale, che diventeranno il vostro atelier culinario per la durata di 4 ore. E poi? Si mangia! C’è davvero da leccarsi i baffi.

Prezzo: a partire da 165 euro a persona (per gruppi da 4 o più).

Dove lasciare il camper? Camping Lucija: situato sulla penisola di Sezza, a Portorose, questo campeggio è la scelta ideale per svegliarsi ogni giorno davanti a un mare di blu. Il Camping Lucija è inoltre family-friendly, con aree attrezzate per il divertimento dei più piccoli, e pet-friendly, con docce dedicate ai nostri amici a quattro zampe.

     Slovenia all’olio d’oliva: il Vintage Gourmet Tour (anche in lingua italiana)

Spostiamoci, ma non di molto, verso Est: quel tanto che basta perché il mare lo si veda ancora, da lontano, e che i pini lascino spazio ad oliveti pregiati. Sono quelli dell’Istria slovena, dove la famiglia Lisjak, il più grande frantoio familiare del Paese, è davvero un’istituzione. Saranno proprio i Lisjaki, le nostre guide in un viaggio straordinario tra sapori, profumi e belvedere storici tra le città di Portorose, Pirano, Capodistria e Isola. La star del tour? L’olio e le olive, naturalmente, assaporati sia tout court, che assieme a delizie locali come i bobici. E ancora, nei prodotti cosmetici, realizzati con i noccioli. Ma capita spesso che la destinazione di un tour, in Slovenia, sia tanto eccitante quanto il tragitto stesso: come mezzi di trasporto, infatti, sarete accolti da coloratissimi veicoli della generazione flower power.

Prezzo: a partire da 410€ a gruppo (min. 2 persone)

Dove lasciare il camper? Autocamp Jadranka, a pochi passi da Isola, si trova proprio in riva al mare e propone escursioni sia lungo tutta la costa slovena, che anche nel retroterra istriano e carsico.

    Gorenjska – Aria di festa Unique Experience (anche in lingua italiana)

O, Vrba! Felice, caro paese natio!

France Prešeren, O Vrba

Ci vuole una certa dose di fantasia per riportare indietro le lancette ai tempi di France Prešeren, il più importante rappresentante del Romanticismo sloveno. Nella regione Gorenjska, e più precisamente a Vrba, Prešeren mosse i primi passi che lo hanno portato a diventare il massimo poeta sloveno.

Per fortuna, la sua amata terra ha conservato gran parte del fascino da lui celebrato: aria buona, cucina semplice e deliziosa, un sorriso sul volto e tanta voglia di far festa tra i suoi abitanti. La Gorenjska di Prešeren rivive oggi grazie alla Unique Experience Aria di festa, che permette di godere dell’atmosfera autentica di una festa ai piedi delle Alpi Giulie slovene. Una carrozza vi condurrà nella chiesetta di San Leonardo, poco distante dall’onirico lago di Bled, luogo ricco di leggende. Una passeggiata con le lanterne attraverso una terra profumata porta alla fattoria di Sodar, dove il proprietario e la sua famiglia sono pronti a fare festa secondo le tradizioni del luogo. La regina incontrastata della tavola è senz’altro la Potica, dolce a base di noci, miele e cannella, ma non mancano altre sorprese prelibate. Gli abiti, confezionati secondo le ricerche dell’etnologo Bojan Knific, sono quelli della Gorenjska del XIX secolo, proprio quella cantata da Prešeren. Costumi, musiche, liquori fatti in casa: si ha davvero l’impressione di essere parte di una famiglia, tra aneddoti e leggende locali che vi renderanno il territorio circostante familiare, conosciuto, vostro. La Gorenjska, alla fine diventerà anche un po’ casa vostra.

Prezzo: a partire da 54 € a persona

Dove lasciare il camper? Sobec Camping a Lesce, a poca distanza, oltre che da Vrba, dalle oasi naturali dei laghi di Bled e Bohinj, all’ombra del Triglav. Il campeggio stesso, situato in un ecosistema lacustre, è adatto alle famiglie e a chi viaggia con i propri animali domestici, con spiagge dedicate proprio a questi ultimi.

    Miniera di Velenje: viaggio gastronomico al centro della terra

Avventura enogastronomica romantica nel ristorante più profondo della Slovenia: arrivati alla miniera di carbone di Velenje e, una volta ricevuto il saluto dei minatori, entrerete nell’ascensore più antico del paese per intraprendere un viaggio di 160 metri verso il centro della terra. Tuttavia, invece dei misteriosi scenari del romanzo di Jules Verne, troverete ad aspettarvi gli chef pluripremiati di Vila Herberstein e il loro famoso menù “Štajgerjeva južna”, quattro portate di pura arte culinaria.

Accompagnati da intrattenimento musicale e animazione, assaggerete le versioni moderne dei piatti dei minatori che sono dei veri capolavori di cucina. Dopo un giro sul trenino delle miniere, ci sarà anche una flûte di spumante ad attendervi nell’ex spogliatoio dei minatori.

Prezzo: a partire da 185€ a persona

Dove lasciare il camper? Camp Velenje, sulle rive dell’omonimo lago e poco distante dall’omonima città, che ha vinto nel 2024 la European Green Leaf, per l’impegno della città, nata alla metà del secolo scorso intorno alla miniera di carbone, a sostegno dell’ambiente. Velenje è infatti tra le 100 città europee che raggiungeranno entro il 2030 la neutralità climatica.

    Slovenia pannonica: dalla zucca all’olio

Un olio estratto dalla zucca. Una famiglia che da quasi cento anni ne ha fatto una vera e propria missione. Siamo nel Pomurje, nella Slovenia orientale, ed è qui che un oleificio a conduzione familiare, Oljarna Kocbek, estrae dalle migliori zucche della regione questo nettare prelibato. Chi è stato in Slovenia almeno una volta, lo sa: dopo aver provato l’olio di zucca, questo rimane un pensiero fisso, un qualcosa che, lasciato il Paese, vorremmo tanto portarci dietro e avere sempre con noi nella nostra cucina.

Questa Unique Experience è un viaggio multisensoriale alla scoperta dell’olio di zucca che, partendo dalle tecniche di coltivazione dell’ortaggio e passando per i sistemi di pulizia e macina dei semi, arriva fino ai macchinari tradizionali e alle tecniche estrattive utilizzate da tre generazioni.

Resterete sorpresi, dal numero di ricette slovene che utilizzano l’olio di zucca!

Prezzo: a partire da 45€ a persona

Dove lasciare il camper? Terme Banovci a Veržej, un campeggio moderno impreziosito dalla presenza di piscine termali per grandi e piccini e di un centro benessere. Oltre al campeggio tradizionale, le Terme Banovci sono dotate anche di un campeggio naturista, dove alla bellezza della natura e al benessere termale si aggiunge anche il piacere della libertà.

 

 

News correlate
Sandals Resorts International celebra il 15° anniversario della Sandals Foundation con il progetto “The Power of 15”

Sandals Resorts International (SRI) celebra il 15° anniversario dell’organizzazione no-profit, Sandals Foundation, con una nuova campagna della durata di un anno denominata “Empower 15”.


Avalon Waterways: Lussemburgo e Germania, suggestioni di fine estate

Avalon Waterways torna a raccontare, in una suggestione di fine estate, i paesaggi e le città straordinarie di Lussemburgo e Germania occidentale, dove le rive di tre fiumi, Mosella, Reno e Meno, hanno visto scorrere secoli di storia.


#NomadiModerni in Oman, a caccia di bellezza

In Oman per Capodanno - #NomadiModerni in Oman, a caccia di bellezza


Giappone Explorer: All You Can Hit!

Viaggio attraverso un paese da mangiare… con gli occhi!


Panorama Monferrato. La mostra diffusa

“Panorama” approda in Piemonte e arricchisce il territorio con un’offerta culturale importante grazie alle opere d’arte che vengono ospitate nei comuni dell’Astigiano e dell’Alessandrino.


Nasce La Thuile Museo a Cielo Aperto

La Thuile vanta una storia ricca e lunga con un territorio abitato fin dalle epoche più remote, come testimoniano le numerose tracce archeologiche qui presenti.


Lublino, oltre ogni aspettativa

Un ricco patrimonio storico e culturale, musei, monumenti e siti archeologici da visitare, paesaggi pittoreschi da ammirare a perdita d’occhio, dove la protagonista è la natura incontaminata


AS Hotels: dove l’accoglienza ha un posto d’onore

Il punto di riferimento per soggiorni ed organizzazione di eventi a Milano, Monza e Brianza.


Asti, il gioiello medievale del Monferrato, presenta il Settembre Astigiano

Asti è un buon bicchiere di vino rosso. Un’accoglienza calda e corposa, come l’atmosfera che si respira nei ristoranti e nelle enoteche tra le vie del centro storico.


Sandals Resorts - Ispirazioni caraibiche per un matrimonio cinematografico

Scegliere la location perfetta per il proprio matrimonio è una decisione importante (oltre che fonte di stress non indifferente) perché sono infiniti i dettagli da tener presenti per fare di quel momento, IL momento di una vita.