Enogastronomia
Pizza e birra o pizza e cocktail? Entrambi i pairing sono perfetti se il piatto italiano per eccellenza incontra le birre artigianali e gli spirits della Scozia.
Sergio Ferroni

Beer&Food Attraction: Scuola Italiana Pizzaioli a Rimini insieme agli spirits e alle birre artigianali scozzesi

Scuola Italiana Pizzaioli e Scottish Development International portano a Beer&Food Attraction la manifestazione internazionale di Italian Exhibition Group che riunisce un’offerta completa di birre, beverage, food e tendenze del fuori casa,un programma di masterclass che vede al centro dell’attenzione la pizza abbinata con le birre artigianali e gli spirits di Scozia.

Pizza e birra o pizza e cocktail? Entrambi i pairing sono perfetti se il piatto italiano per eccellenza incontra le birre artigianali e gli spirits della Scozia.  Così in occasione di Beer&Food Attraction, Scuola Italiana Pizzaioli in collaborazione con Scottish Development International propone un variegato palinsesto di masterclass con degustazione che vedrà protagonista la pizza in diverse declinazioni e stili, in abbinamento alle eccellenze di spirits e birre artigianali scozzesi.

Gli appuntamenti sono previsti al Padiglione A4 nello stand 028 di Scuola Italiana Pizzaioli.

Una selezione di birre artigianali fra le migliori referenze della Scozia saranno protagoniste delle masterclass di domenica e lunedì mattina, mentre le eccellenze di gin di alcune fra le distillerie artigianali di punta del panorama scozzese accompagneranno le pizze negli appuntamenti di lunedì pomeriggio e martedì. Classica, contemporanea, tonda e in pala, la pizza sarà presentata secondo le interpretazioni dei Master Istruttori della Scuola.

Si parte domenica 18 alle 11.00 con Paolo Priore e Luca Gaggione, direttore didattico della Scuola, con il primo appuntamento dal titolo “La mia pizza”,  durante il quale verranno proposte interpretazioni moderne della ricetta ottenute con farine da Macinazione Integrata Autentica. Seguirà alle 14.00 un viaggio alla scoperta degli stili e dei sapori degli impasti ad alta idratazione con “La Mia alta idratazione”, a cura diLuca Gaccione e Graziano Bertuzzo.Si prosegue lunedì 19alle 12:00 con Luca Gaccione e Tiziano De Filippis, direttore tecnico della Scuola, che rivisiteranno l’iconica pizza napoletana secondo lo stile contemporaneo nella masterclass  “L’evoluzione di un classico”.  L’effetto friabile della pizza negli impasti leggeri e digeribili sarà esplorato in “Il crunch ad alta idratazione”alle 14.00, di nuovo con Luca Gaccione e Paolo Priore e la speciale partecipazione di Gabriele Menini, Category Spirits Manager di Ferro Distribuzione per Tekbarche proporrà il miglior pairing con gli spirits scozzesi. Martedì 20 alle 11:30 si ricomincia con “La pizza secondo Roma”nella masterclass guidata da Luca Gaccione e Gianluca Procaccini.  Sarà sempre l’interpretazione romana della pizza a farla da padrone nell’appuntamento delle 14.00 con la pizza alla pala romana a cura di Gianluca Procaccini e Luca Gaccione. 

I pairing con le birre artigianali e i gin scozzesi promossi da Scottish Development International

A glorificare la pizza in ogni sua sfaccettatura saranno gli spirits e le birre artigianali scozzesi presentate da Scottish Development International, l’agenzia ufficiale del governo scozzese che promuove i rapporti commerciali tra la Scozia e i mercati esteri.  Saranno presenti tre referenze di birre degli oltre 90 birrifici che costellano la Scozia.Six North Brewery, birrificio attivo nella produzione artigianale dal 2013 nel nord-est della Scozia, porterà in scena la Omnium Gluten Free Session IPA, dal sapore pieno con audaci note di agrumi e frutta tropicale prodotta con luppoli Citra, Amarillo, Mosaic e Simcoe. Dalla Bellfield Brewery, premiata come birrificio dell’anno 2023 agli Scottish Beer Awards, due referenze importanti:la Bohemian Pilsner, una classica pilsner ceca, chiara con un corpo leggero e delicati toni floreali provenienti dai migliori luppoli Saaz; e la Lawless IPA, birra aromatica dal colore ramato, prodotta come una tradizionale IPA americana, con malti chiari e cristallini e luppoli Cascade e Centennial.  Con riferimento agli spirits, sono 50 le distillerie presenti in Scozia con più di 100 varietà di prodotti, oltre a tutte le aziende che si dedicano alla distillazione in generale di altri cereali.  Per gli abbinamenti con la pizza, sono state selezionate alcune tra le migliori produzioni di distillati: una sorprendente Chilli Vodka, resa unica dai peperoncini Chipotle con un’affumicatura terrosa prodotta da Arbikie Distillery, che vanta una tradizione secolare e una produzione a KM0; Hills and Harbour Gin Burnt Orange & Smoked Pineapple, un gin con una leggera dolcezza di frutti di bosco, arancia amara e note marine, brioso grazie alle sfumature date dalle piccole mele acri di granchio rosso, proposto da Crafty Distillery, moderna e pluripremiata distilleria delle colline di Galloway; North Uist Distillery, una delle più importanti distillerie, proporrà in accostamento alla pizza Coast& Croft Gin, dai sentori di “Pepper Dulse" della costa e timo selvatico del podere, per un gin dai toni freschi di erbe verdi con una ricca base di ginepro e tocchi agrumati.

La Scuola Italiana Pizzaioli

Fondata nel 1988, la Scuola Italiana Pizzaioli nasce dalla volontà di insegnare il mestiere del pizzaiolo coniugando un approccio didattico scientifico, volto alla continua ricerca delle metodologie più moderne, coniugato alla passione del mettere “le mani in pasta”. Riconosciuta a livello internazionale come la scuola leader nella formazione di maestri pizzaioli, con 26 sedi sul territorio nazionale e all’estero, si propone come partner ideale per la realizzazione di corsi professionali mirati a formare i pizzaioli del futuro. I corsi sono svolti presso strutture dedicate interamente alla formazione didattica e pratica, per dare un servizio completo ai corsisti che approcciano per la prima volta il mondo della pizzeria e per tutti coloro che intendono aggiornare il proprio bagaglio professionale nel mondo della ristorazione.

 

News correlate
 “Dinner Opera Show”

Un format Nuovo per vivere un'esperienza tra sogno e magia, tra arie d'Opera e manicaretti ispirati ai grandi della musica lirica in un palcoscenico di magia, cantanti, musicisti, ballerini e acrobati saranno protagonisti di uno show sensazionale


"L'Alchimia del Vino: Paolo Porfidio, il Leonardo da Vinci del vino in Italia

Tra comunicazione del vino, valorizzazione della figura del sommelier e Vigneto e Cantina. Alla scoperta di uno dei principali protagonisti del vino in Italia


I Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato a Vinitaly per celebrare i 10 anni dalla nomina a Patrimonio Unesco

Sono trascorsi 10 anni da quando i Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato sono stati inseriti nella lista Patrimonio Unesco


La Campania vince la finale nazionale dell’Agrichef Festival 2024

“Agnello glassato alla mela annurca Igp” sul podio, a Roma, dell’iniziativa Turismo Verde-Cia. Al centro i piatti tipici della cucina contadina e la condivisione con gli studenti degli istituti alberghieri


Pecorino Toscano DOP e Cipolla Bianca di Margherita Igp: nasce un connubio d’eccellenza

A Firenze l’incontro tosco-pugliese tra due sigilli di qualità. In comune storie secolari e sapori autentici


Per la prima volta un ristorante maltese riceve due stelle Michelin

La storica Guida Michelin, che per oltre 120 anni ha premiato i migliori ristoranti al mondo, ha presentato ufficialmente la quinta edizione della Guida dedicata all'arcipelago maltese di Malta.


Apre a Roma “Civico 2”, nuovo imperdibile ristorante nei pressi di Piazza Verbano, “cucito su misura” per ogni ospite

A dirigere il locale Daniele Landi e Massimiliano Lamanna (in foto)


3° Festival del Carciofo Romanesco dal 7 al 10 aprile 2024

Torna la manifestazione al Portico d’Ottavia nell’antico ghetto, dove il prezioso ortaggio è orgoglio per i romani e attrazione per i turisti e a Roma vanta una lunga tradizione gastronomica, crudo o cotto ‘alla romana’ e fritto croccante ‘alla giudìa’


La Slovenia occidentale:  vini e cultura transfrontaliera

In occasione della nomina di Gorizia e Nova Gorica a Capitali Europee della Cultura 2025, vi suggeriamo un viaggio dei sensi oltre confine, alla scoperta dei vini dell’Ovest sloveno, tra le zone di Brda, Vipava, Carso e Istria.


Parmigiano Reggiano - Nel 2023 superato il record dei 3 miliardi al consumo, crescono vendite totali (+8,4%), Italia (+10,9%) ed estero (+5,7)

La produzione resta stabile (4 milioni di forme). Il prezzo medio all’ingrosso ha registrato un lieve calo (-5%) rispetto al 2022, ma è in decisa ripresa nel 2024