Arte e cultura
La Galleria La Nuvola di Via Margutta è lieta di ospitare in esclusiva, la prima mostra personale di Reinhard Pfingst (Brühl, 1961), dal titolo “Metamorfosi Marmoree”, a cura di Alice Falsaperla e con i testi critici di Anna Imponente e di Eva Bellini.
Sergio Ferroni

Metamorfosi Marmoree

L’ autore tedesco elabora, all’interno del contesto artistico contemporaneo, un nuovo concetto di complessità formale e di contemplazione ideale, attraverso un materiale nobile quale è il marmo. Le sculture di Pfingst assumono sembianze dalla liricità propria e dall’appartenenza musicale. L’artista tenta di restituire al pubblico molteplici “forme d’armonia”, attraverso creazioni sinuose e utopiche, inducendolo allo stupore e alla meditazione, come in un “giardino giapponese” che narra le antiche origini dell’autore. «Dal travertino romano, al marmo bianco o arabescato di Carrara, la produzione scultorea di Pfingst prevede una crasi innovativa tra storicità, conferita dall’antichità del supporto adoperato, e contemporaneità, affidata alla potenza dell’astrazione».

«Si tratta di conformazioni pure, carnose o filiformi, lontane da qualsiasi soggettività o figurazione, se non per evocazioni suggerite dal titolo»,  approfondisce Alice Falsaperla nel testo critico dedicato. L’evento, patrocinato dal Comune di Roma Capitale e da Energies for Visual Art (EVA), in collaborazione con lo studio M’Arte Scultura, possiede molteplici rilievi: dal punto di vista urbano, si compie la riscoperta di una nuova realtà artistica e progettuale all’interno della Città.  Se oggi il ritmo della modernità si fonda sulla velocità, la produzione dell’autore propone una condizione di quiete estetica e mentale. L’autore si serve del marmo anche per ricreare luoghi dedicati, adatti a un’azione immersiva da parte del fruitore, attraverso un’esperienza di grazia e ricercatezza, nella stabilità con cui si manifesta. Si tratta del tentativo di inscenare un “punto poetico”, concetto ideato dallo stesso Pfingst, finalizzato alla creazione di spazi ideali in cui riflettersi, “ad imitare un’ombra oltre la polvere, / un fiore che perpetua il suo silenzio”. (Andrea Orlandi)

A questo si aggiunge una multidisciplinarietà d’insieme, suggerita dalla collaborazione dello spazio storico di Via Margutta col brand italiano Fili Pari, l’innovativa startup “Fashion-Tech” che realizza soluzioni tessili sostenibili a partire dalla polvere di marmo, ponendosi qui in un dialogo tra tridimensioni e chiaroscuri, in un nuovo utilizzo di materia e luce, indossato da modelle per l’occasione. La cura illuminotecnica della mostra è affidata allo studio Luci Ombre, un team di architetti, designer, progettisti e tecnici che fanno dell’illuminazione la propria fonte di ispirazione.  Dal punto di vista culturale, l’esposizione offre la possibilità di ammirare, per la prima volta in una galleria d’arte, la produzione dell’artista tedesco, recentemente premiato dalla Food and Agricolture Organization of the Unite Nations (FAO). Alla base dell’esposizione, vi è un’indagine volta a presentare la produzione dello scultore, dalla progettazione su carta all’opera d’artecompiuta nel marmo.

Il vernissage si terrà Venerdì 14 Giugno 2024 alle ore 18

Galleria La Nuvola - Via Margutta, 41 – 00187 Roma

 

News correlate
MUNCH. Il grido interiore

Edvard Munch torna a Milano dopo 40 anni, in una grande retrospettiva dal 14 settembre 2024, e a Roma dal 18 febbraio 2025, con 100 opere prestate eccezionalmente dal Munch Museum di Oslo


Il podio della Dante per il Premio Strega 2024

I romanzi di Raffaella Romagnolo, Donatella Di Pietrantonio e Antonella Lattanzi sono i più votati dai Presidi letterari della Società Dante Alighieri.


Celestial Heights

La magia fluttuante delle opere di Achao protagonista alla Galleria Angelica di Roma


Itinerario di un’amicizia

La Fondazione Carlo Levi in collaborazione con l’Associazione Archivio Piero Martina inaugura la mostra virtuale Carlo Levi e Piero Martina artisti torinesi. Itinerario di un’amicizia


Sgaravatti:il concetto del cambiamento

Vedere le opere del maestro Eugenio Sgaravatti equivale a fare un viaggio all’interno delle regioni più innovative dell’arte contemporanea…


Cielo incluso: vedere gli dèi

Dal 1 al 15 giugno 2024 si terrà, presso il Museo Provinciale Campano di Capua, la mostra Cielo incluso: vedere gli dèi con le opere e installazioni di Maria Grazia Tata e le fotografie di Salvatore Di Vilio, a cura di Salvatore Enrico Anselmi.


Nino Perrone: “Nel vento della pittura” a Galleria Vittoria

Nino Perrone presenta la sua nuova personale “Nel vento della pittura” alla Galleria Vittoria di Via Margutta


Angelo Deiana, presidente di Confassociazioni presenta il suo libro “Il Grande Gioco Parte Prima – La Promessa, edito da Giacovelli Editore

“Volare è bello, ma atterrare è tutto” Angelo Deiana


Giovanni Raspini presenta la mostra di gioielli "Superstones".

La creatività senza confini di Giovanni Raspini si traduce in una mostra itinerante dalle molteplici suggestioni.


“Somnium”

“Somnium”, il romanzo di Bruno Scapini che si distingue per la sua massima attualita’